SEMINARIO ARCIVESCOVILE DI MONREALE

In Uscita! Seminario incontra... CAPACI. #TraVoltidAmore

Visualizza le foto

Nei giorni 21 e 22 novembre, Solennità di Cristo Re dell’Universo, la Comunità del Seminario Arcivescovile di Monreale ha dato inizio all’esperienza pastorale comunitaria “In uscita il seminario incontra”, che prevede la visita ad alcune comunità parrocchiali della nostra Chiesa diocesana.

Quest’anno l’itinerario attraverserà la zona marina, a partire da Capaci, per poi proseguire visitando le comunità di Isola delle Femmine, Carini, Cinisi, Terrasini e, infine, Balestrate.

È un percorso che si sviluppa a tappe e che vedrà impegnato il Seminario in diverse attività laboratoriali in preparazione alla missione e all’evangelizzazione di strada, che culminerà nell’adorazione eucaristica serale.

Nel primo appuntamento il Seminario ha incontrato le due comunità parrocchiali di Capaci, che sin dalla riunione organizzativa, qualche settimana prima, si sono mostrate entusiaste e interessate a vivere un fine settimana di grazia.

Il progetto, rivolto principalmente ai giovani, ha coinvolto le aggregazioni laicali dell’Azione Cattolica, degli Scout, della Gi.Fra., dell’ADMA, del Rinnovamento nello Spirito e del Cammino Neocatecumenale, che nell’ottica dell’interparrocchialità hanno mostrato il volto di una Chiesa sana ed unita, che, in sintonia con i pressanti inviti di Papa Francesco, vuole tornare ad annunciare il mistero del Dio Amore ai giovani e ai meno giovani presenti nel territorio.

Nel pomeriggio del sabato noi seminaristi abbiamo incontrato i giovani di entrambe le parrocchie per dare inizio ai tre laboratori previsti nel progetto #TraVoltidAmore. Un primo gruppo si è occupato dell’animazione liturgica e del coro, un altro di organizzare l’evangelizzazione di strada, e un altro ancora di preparare e guidare l’adorazione eucaristica serale.

Durante la domenica, sin dal mattino, abbiamo iniziato l’evangelizzazione offrendo, a quanti abbiamo incontrato per le strade e nelle piazze, un volantino con l’invito a partecipare all’adorazione eucaristica, un’attività che ha portato molti frutti di speranza.

Durante tutte le celebrazioni eucaristiche, come di consueto, si è data anche una testimonianza vocazionale: il racconto della propria vicenda di discernimento e di ascolto della chiamata di Dio ha donato ai fedeli molte emozioni, e ha ridestato in essi sentimenti di gratitudine e di stima.

Nel pomeriggio della domenica, durante la celebrazione eucaristica, la comunità di Capaci è stata raggiunta da una terribile notizia: Davide Laurannino, un giovane di 25 anni, cantore della Seconda Comunità Neocatecumenale, in un tragico incidente con la moto, chiudeva il suo percorso terreno, tornando alla casa del Padre. La notizia ha sconvolto tutto il paese, e in modo particolare il parroco don Davide Chinnici e la comunità di San Rocco, che hanno conosciuto e accompagnato Davide nella crescita spirituale e nella vita comunitaria. Il dolore per la grave perdita ha reso ancora più evidente la necessità di fermarsi in ginocchio ad adorare il Signore della Vita.

L’adorazione eucaristica iniziata dopo la messa delle 18.00 e protratta fino alla mezzanotte, ha visto una partecipazione continua di fedeli. Tanti giovani, molti di questi amici di Davide, hanno accolto l’invito dei seminaristi e hanno potuto così sperimentare la grazia consolante di un Dio, che è tutto misericordia! Ci hanno raggiunto altri giovani, provenienti da varie parrocchie di Monreale, che hanno contribuito ad evangelizzare e ad animare l’adorazione.

Durante le cinque ore di adorazione, un continuo va’ e vieni di fedeli ha percorso la navata della chiesa di San Rocco. Facendo, in un’atmosfera di raccoglimento e preghiera, il percorso proposto da noi missionari, che prevede diversi momenti.

Inizialmente veniva consegnato ad ognuno un biglietto una penna e una candela: ogni fedele scriveva nel biglietto un pensiero, una preoccupazione, una preghiera da rivolgere a Gesù, poi veniva accompagnato davanti all’altare e veniva aiutato nella preghiera da un seminarista o da uno dei ragazzi “missionari”; il biglietto, poi, veniva lasciato ai piedi del SS. Sacramento. Poi ognuno accendeva la propria candelina e la lasciava davanti all’altare, dove prendeva un altro bigliettino con un versetto biblico, da utilizzare per la meditazione personale e da portare con sé a casa.

Durante l’adorazione tantissimi sono stati i fedeli che si sono accostati al sacramento della riconciliazione, accolti dai superiori del Seminario e da don Pietro Macaluso, Arciprete della Chiesa Madre di Capaci, che ci è stato molto vicino per tutta la giornata.

L’esperienza vissuta ha arricchito tutti coloro che, lontani e dubbiosi, si sono avvicinati a Cristo, e ha portato tanta ricchezza anche in ognuno dei ragazzi che ci hanno collaborato nella Missione.

È stato possibile sperimentare la Grazia operante dello Spirito Santo, che ha sciolto anche i cuori più induriti e ha mutato molte lacrime di dolore in lacrime di gioia. È con questa presenza nel cuore che vogliamo continuare questa esperienza di grazia negli altri paesi della nostra Diocesi, sicuri che il Signore continuerà ad operare prodigi!

Natale Centineo

 

Mettiti in contatto con noi